Addio ai cassonetti in centro

Entro il prossimo mese spariranno tutti. Nelle vie regali non ve ne sarà più traccia. Alla Gesenu la chiamano con una locuzione tecnica "eliminazione graduale dei cassonetti stradali."Si è iniziato con alcune vie del centro storico. Negli ultimi giorni, in coincidenza con Eurochocolate, si è preferito di posticipare di una settimana. L'altro ieri mattina l'operazione è ripresa. Si tratta della fase più "impattante" e rischiosa sul fronte del decoro urbano: senza cassonetti, nonostante l'incremento della differenziata (da 25 a 56 per cento in centro dopo l'introduzione), non si esclude il ricorso alla pratica dell'abbandono in strada.
Pratica che è sanzionabile secondo regolamento fino a cinquecento euro di multa. Rimarranno alcuni cassonetti nelle zone più periferiche - sempre all'interno della cinta muraria della città - per i rifiuti indifferenziati residuali. Un'eccezione che conferma la regola: l'immondizia dovrà essere differenziata a monte e recapitata agli operatori nottetempo negli appositi spazi. La rivoluzione viene monitorata con i residenti e gli esercenti per intervenire laddove dovessero crearsi dei problemi particolari. In Gesenu c'è un gruppo di lavoro che si occupa proprio delle "fattispecie". la differenziata porta a porta ha già attecchito nella periferia, dove pure verranno tolti i cassonetti stradali: a breve accadrà a stretto giro a Ponte Pattoli, Villa, Ponte Felcino. Prosegue il piano di comunicazione del Comune e della Gesenu.
L'assessore al ramo Lorena Pesaresi e il presidente della spa Graziano Antonielli sono arrivati alla diciannovesima assemblea per illustrare la modalità della differenziata porta a porta: gremita l'ultima, che si è svolta mercoledì a Castel del Piano (con Mugnano e Fontignano le prossime frazioni interessate) . Nuovi cestini i cestini in ferro del centro storico, quelli color marrone, verranno cambiati entro l'anno con nuovi cestini più "decorosi", con tanto di posacenere: senonché rimarranno, stando alle prime indiscrezioni, indifferenziati. La quantità di rifiuti che sopportano è notevole e incide non poco sulla percentuale di indifferenziato.
Alessandro Antonini
Corriere dell'Umbria Venerdì 29 Ottobre 2010

0 commenti

Posta un commento

Altre News su Perugia Notizie

News della Provincia di Terni

Offerte di lavoro a Perugia e Provincia

Ultimi commenti su Perugia Notizie