Centinaia di studenti dell'Accademia di Brera hanno letteralmente preso d'assalto ieri, complice anche l'improvvisa giornata di sole, il grande palco in metallo e legno chiaro allestito nel cortile napoleonico della celebre Pinacoteca milanese scattando foto con il cellulare o facendosi fotografare seduti accanto ai 5 enormi pannelli luminosi dalla doppia faccia, 10 gigantografie a colori realizzate dal mago della fotografia, ormai artista di culto, Steve McCurry.
L'Umbria in tutto il suo splendore ha reso diverso, più leggiadro l'austero cortile milanese in una esplosione di colori, di sensazioni e di immagini fresche e al tempo stesso suggestive, magnifiche per imponenza. Per molti ragazzi e molti visitatori la nostra regione è stata una vera e propria scoperta potendo ammirare in versione cinemascope l'altipiano di Castelluccio, il duomo di Orvieto, le cascate delle Marmore, la chiesa di San Francesco a Montefalco, il Carapace di Arnaldo Pomodoro a Bevagna, la Rocca Paolina popolata di musicisti di Uj, l'interno di San Fortunato a Todi, le grotte di Montecucco, il palazzo ducale di Gubbio, Piazza Duomo di Spoleto con leggiadre musiciste sedute a prendere il sole.

L'Umbria storica, l'Umbria del paesaggio, l'Umbria artistica ma anche l'Umbria produttiva delle botteghe e delle aziende. In questo caso c'erano solo 10 immagini, sia pure splendide e ben scelte, per un'anteprima esclusiva di "Sensational Umbria", le cento foto che McCurry ha realizzato per la Regione scelte fior da fiore tra i 1.500 scatti fatti percorrendo in lungo e in largo il territorio in cerca di atmosfere, di ricordi.
La governatrice Marini, presente all'inaugurazione di martedì sera (a rappresentare l'Umbria istituzionale anche il sindaco Wladimiro Boccali e l'assessore Fernanda Cecchini ma anche Caterina Bon Valsassina direttrice regionale dei Beni della Lombardia, anch'essa umbra) ha invitato McCarry ad immortalare anche i Ceri di Gubbio ed il fotografo ha accettato di buon grado

"perché il turbine della corsa ha qualcosa di molto affascinante ed è difficilissimo da fotografare"
Ed ha aggiunto:
"In Umbria ho trovato migliaia di tesori , potrei tornare in questa regione migliaia di volte ed ogni volta scattare foto senza ripetermi. In Umbria c'è il senso del passato, c'è il bello, c'è la tradizione. Ma la sua caratteristica maggiore è la sua profondità, un'esperienza che arricchisce."
Le foto di McCurry potranno essere utilizzate per cinque anni in diverse situazioni e con varie modalità e, come promesso dalla Marini, confluiranno tutte in un bellissimo volume fotografico. "Spazio Umbria" ha dato anche un assaggio delle prelibatezze enogastronomiche ed è stato un coro entusiastico di "quanto è buono", "dove lo possiamo trovare”, sia parlando di Sagrantino, sia riferendosi ai prosciutti, i capocolli, i salamini provenienti da San Venanzo. Il programma della vetrina umbra è poi proseguito ieri con la conferenza stampa del Festival dei Due Mondi e andrà avanti nei prossimi giorni, sempre a Palazzo Brera, con le conferenze stampa di Umbria Jazz, Todi Festival, Festival delle Nazioni e con gli stand espositivi di alcuni designer di aziende umbre.
Corriere dell'Umbria Giovedì 11 Aprile 2013
 

Questi giorni, Steve McCurry, celeberrimo fotografo noto in tutto il mondo per i suoi reportage su National Geographic, si aggirava lungo corso Vannucci, con l'inseparabile macchina fotografica, pronto a immortalare figure, luoghi, atmosfere. Ma intanto è già diventato realtà “Sensational Umbria”, l'esclusivo progetto in cento scatti d'autore con il quale Oli scatti unici dell'artista sono stati presentati al FuoriSalone di Milano l'artista - su proposta della Regione - ha accettato di raccontare l'Umbria, il suo territorio e i suoi abitanti e che per i prossimi cinque anni contribuirà a diffondere a livello internazionale l'immagine della regione.

L'avventura ha appena celebrato il suo battesimo con un'anteprima mondiale a Milano, nell'ambito del FuoriSalone: da mercoledì ad oggi dieci fotografie sono infatti esposte nel cortile napoleonico della Pinacoteca di Brera con un allestimento speciale, su cinque pannelli luminosi, con due immagini per lato, collocati su una leggera struttura in legno chiaro. Nei mesi scorsi McCurry ha girato l'Umbria in lungo e in largo alla ricerca di atmosfere e sensazioni da tradurre nella magia della sua arte. Ha realizzato 1500 foto in esclusiva per la Regione e da queste è stato `scremato' un campione di cento scatti che parlano di un'Umbria storica e artistica, di borghi e paesaggi, di natura e tradizioni, ma anche della gente che vive, lavora e s'impegna nelle diverse attività produttive.

“Abbiamo scelto di affidare a uno dei più grandi fotografi del mondo il compito di rappresentare la nostra regione - sottolinea la presidente della giunta regionale Catiuscia Marini - , nelle sue foto c'è l'Umbria storica e contemporanea, c'è l'Umbria dell'ambiente e del paesaggio, ma anche l'Umbria produttiva, dell'agroalimentare, delle botteghe e delle fabbriche. C'é tutta la `risorsa Umbria’.”

Curry non ha dubbi:

“Per me è un onore avere intrapreso questo lavoro, che considero un viaggio, un'esplorazione che ha portato a scoprire gioielli straordinari. E le foto stesse sono soltanto la punta di un iceberg: potrei tornare in Umbria migliaia di volte, e ogni volta fotografare senza mai ripetermi. Qui c'è il senso del passato, il bello, la storia e la tradizione”.

Le foto di McCurry potranno essere utilizzate dalla Regione per cinque anni “e lo faremo - ha detto la presidente Marini - con diverse e articolate modalità, che sfoceranno in un volume”.
In cartellone una serie di eventi a New York, a Pechino e a Marsiglia.

La Nazione Lunedì 15 Aprile 2013

0 commenti

Posta un commento

Altre News su Perugia Notizie

News della Provincia di Terni

Offerte di lavoro a Perugia e Provincia

Ultimi commenti su Perugia Notizie