Ristoranti affollati per i tradizionali cenoni, la consueta festa in piazza Mazzini a Castiglione del Lago, fiumi di spumante nelle tante feste private.
Di primo acchitto si potrebbe dire che anche questa volta il Capodanno al Trasimeno abbia rispettato il copione di sempre, ma invero qualcosa di diverso rispetto agli altri anni c'è stato.
Lo si è potuto chiaramente percepire allo scoccare della mezzanotte, quando la solita sinfonia di castagnole e bengala per salutare l'arrivo del nuovo anno è risultata di tono decisamente minore rispetto al passato.
Pochi i botti, insomma, i fuochi d'artificio e gli altri giochi pirotecnici. In tutto il comprensorio, il 2009 si è dovuto accontentare di un'accoglienza, se non proprio tiepida, certo molto misurata.
Non solo, ma solo le strutture agrituristiche avrebbero registrato il tutto esaurito, mentre per gli albergatori il periodo delle festività di fine 2008 non sembra destinato ad essere ricordato con particolare soddisfazione.
Il movimento turistico è infatti apparso in generale minore rispetto agli anni scorsi. Certo, ha pesato la crisi economica. E si è festeggiato l'arrivo del nuovo anno con un animo che è parso in generale più preoccupato per l'incertezza del futuro che disposto all'allegria spensierata.
Ciò non ha impedito alla tradizionale festa in piazza organizzata a Castiglione del Lago dall'amministrazione comunale di ottenere come sempre un grande successo, con centinaia di persone ad assistere prima all'esibizione dei "p.
Funking band" e poi a quella dei "Joyful Gospel Singers", per il concerto di chiusura della VII edizione di "Soul Christmas", festival gospel dell'Umbria diretto da Gianluca Di Maggio.
E nemmeno ha impedito a molte persone di scegliere i locali della zona per trascorrere la notte di San Silvestro, con il tradizionale cenone e feste danzanti.
Una scelta, questa, che comunque sembra abbiano fatto soprattutto i turisti. I residenti avrebbero in generale optato per meno dispendiosi festeggiamenti casalinghi. Di sicuro il Capodanno 2009 resterà memorabile per Daniela e Roberto Basili, genitori del piccolo Gabriele, venuto alla luce al punto nascita dell'ospedale Sant'Agostino di Castiglione del Lago 2 ore e 28 minuti dopo l'arrivo del 2009.
"é andato tutto benissimo - dice raggiante la signora Daniela -. E per noi che abbiamo già un figlio, Marco, di tredici anni, questo bambino è come un angelo. Per questo abbiamo voluto chiamarlo Gabriele."
Non meno felice il passaggio dal vecchio al nuovo anno per Monica e Giorgio Rosini, madre e padre di Sofia, nata alle 19.28 di martedì 30 dicembre.
É stata lei l'ultima bimbetta a venire alla luce al nosocomio castiglionese nel 2008. Entrambe le signore si sono volute complimentare con il personale medico e paramedico del reparto maternità dell'ospedale.
"Sono tutti eccezionali, a cominciare dal pediatra e dall'ostetrica - hanno detto -. Il fatto è che alla grande competenza professionale uniscono una sensibilità e un'umanità non comuni"
Sergio Spaccapelo
Corriere dell'Umbria Venerdì 2 Gennaio 2009

0 commenti

Posta un commento

Altre News su Perugia Notizie

News della Provincia di Terni

Offerte di lavoro a Perugia e Provincia

Ultimi commenti su Perugia Notizie