Turismo a singhiozzo in questa prima parte della stagione estiva al Trasimeno, almeno sulla base delle opinioni rilasciate dalle strutture ricettive interpellate.
La congiuntura economica non semplice e la stagione meteorologica poco avvincente, sembrano gravare soprattutto sui camping:
"La situazione non è buona - commentano al Villaggio Italgest di Sant'Arcangelo, nel comune di Magione - Registriamo un calo di turismo abbastanza consistente che si sta verificando dagli ultimi anni a questa parte.
Sono diminuiti i turisti provenienti un po' da tutte le nazionalità, ma il calo più vistoso in questo periodo forse è quello degli olandesi."
"Un disastro - è il commento del gestore del camping Rivalago di Magione -. Registriamo un calo di presenze da 15 anni a questa parte. Siamo costretti a costi di gestione molto elevati che ci impongono di alzare i prezzi e la gente se ne va."
Va meglio invece al camping Kursaal di Passignano sul Trasimeno, dove il campeggio è affiancato anche dalla struttura alberghiera:
"Le presenze sono le stesse dell'anno scorso - spiegano - con un calo del cinque per cento nell'albergo, ma un aumento del dieci per cento in campeggio.
Sono invece in calo i consumi interni, ristorante e bar. I turisti presenti in questo periodo sono per lo più olandesi, inglesi, tedeschi e si cominciano a rivedere i belgi."
La situazione non sembra rosea nelle strutture alberghiere:
"é terribile - commenta il gestore dell'Hotel Belvedere di Passignano - e la causa al 20 per cento è dovuta alla crisi economica, ma per l'ottanta per cento è provocata dalla cattiva pubblicità.
Inutile parlare delle condizioni idriche del lago già da maggio, il Trasimeno ha caratteristiche che sono diverse da quelle di laghi come il Garda e la Regione non fa niente per pubblicizzarne le bellezze.
C'è un problema di comunicazione."
"Registriamo una diminuzione di turisti del 20 per cento - dicono al Realis La Fattoria di Castel Rigone (Passignano) -.
Sono diminuiti i tedeschi, mentre sono in aumento belgi e olandesi. I turisti che vengono nella nostra struttura amano soprattutto visitare i borghi limitrofi e il calo è indubbiamente legato alla crisi economica."
Si abituano al last minute e a un calendario di presenze anomalo, le strutture agrituristiche del lago:
"Per il mese di luglio va abbastanza bene - spiegano all'agriturismo Colle sul Lago a Binami, Castiglione del Lago -.
Stanno tornando ospiti stranieri e italiani che già avevano alloggiato da noi anni indietro e sono in aumento i turisti belgi.
Abbiamo però avuto un grande buco di presenze a maggio e a giugno e anche per agosto, a differenza degli anni passati, c'è un calo di prenotazioni."
"Le prenotazioni sono più o meno allo stesso livello dell'anno scorso - spiegano a i capricci di Merion, a Tuoro sul Trasimeno - ma la differenza è che vanno a rilento.
Vengono fatte all'ultimo momento, anche per soggiorni lunghi. Fino a dieci giorni fa, a luglio ci risultava quasi tutto vuoto e ora invece la struttura si è riempita"
Simona Billi
Corriere dell'Umbria Lunedì 6 Luglio 2009

0 commenti

Posta un commento

Altre News su Perugia Notizie

News della Provincia di Terni

Offerte di lavoro a Perugia e Provincia

Ultimi commenti su Perugia Notizie